La Rosa ed il suo Portamento Arbustivo

La Rosa è un genere che comprende oltre 100 specie di piante caducifoglie spinose, dal portamento arbustivo o rampicante, in quest’ultimo caso con fusti lunghi anche più di 10 m. Le foglie sono formate da diverse foglioline con margini più o meno disordinati.

WP_20150119_003 (Small)

I fiori delle rose selvatiche sono in genere abbastanza vistosi e hanno sempre 5 sepali e 5 petali, questi ultimi di colore variabile dal bianco al giallo , al rosa, al rosso e al violaceo. I petali circondano la parte fertile del fiore, composta dai numerosi stami e dai carpelli; questi ultimi sono caratterizzati da stili liberi raggruppati in un fascio. In seguito alla fecondazione, si forma un falso frutto carnoso denominato cinorrodonte.

 

WP_20150119_002 (Small)

Il genere Rosa è diffuso allo stato spontaneo nelle regione temperate dell’emisfero boreale; a differenza del genere affine Rubus, comprendente le varie specie di rovi, esso non si estende a sud fino all’Equatore ma raggiunge in Europa, le regioni mediterranee, in America il Nuovo Messico, in Africa l’Abissinia e in Asia la Corea e l’India.

In Italia esistono circa 25 specie di rose selvatiche, la più nota e la più comune delle quali è indubbiamente Rosa canina, un arbusto che si ritrova allo stato spontaneo nei cespuglieti e nelle boscaglie degradate, in pratica nei luoghi ombrosi dei boschi di querce caducifoglie, faggio, pino e abete.

 

WP_20150119_001 (Small)

La rosa canina, oltre ad essere talvolta adoperata dai giardinieri per formare siepe impenetrabili o macchie decorative, è utilizzata in farmacopea giacchè i bocciolo e le foglie hanno proprietà lassative e si usano anche come cicatrizzanti, mentre i falsi frutti, a lungo utilizzati anche a scopo alimentare, rappresentano la fonte naturale più abbondante di vitamina C e, se privati dei peli interni, si usano per preparare tisane e marmellate.

Check Also

erbamedica3

Erba medica

L’erba medica, o Medicago sativa, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Fabaceae, ovvero ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *